• Home
  •  > Notizie
  •  > Muore a 39 anni impiegata e mamma di due ragazzi

Muore a 39 anni impiegata e mamma di due ragazzi

«Era una persona molto buona – ha sottolineato l’amica Michela De Nardi –. Non dava magari subito confidenza, ma quando si apriva era la persona più generosa del mondo. Aveva un grande cuore»

BRUGNERA. Addio alla mamma coraggio di Brugnera. Non ce l’ha fatta Annalisa Bolzon. E’ morta a soli 39 anni all’hospice di San Vito al Tagliamento, dove ha perso la sua battaglia contro una malattia che l’aveva colpita tre anni fa.

Lascia il marito Ulisse Carnelos, che gestisce una sala slot a Maniago, una figlia di 16 anni e un bambino di 8, che gioca a calcio nelle squadre giovanili della Sacilese. In lacrime anche i colleghi dell’azienda Arrital cucine di Camolli di Fontanafredda.

Qui Annalisa, compatibilmente con le cure cui doveva sottoporsi periodicamente, continuava a lavorare come impiegata.

Le parole del sindaco, Ivo Moras, testimoniano il cordoglio della comunità. «Ha lottato con tutte le sue forze – ha ricordato il primo cittadino –, purtroppo però Annalisa non ce l’ha fatta. Ci dispiace molto, per lei e per la sua famiglia».

«Era una persona molto buona – ha sottolineato l’amica Michela De Nardi –. Non dava magari subito confidenza, ma quando si apriva era la persona più generosa del mondo. Aveva un grande cuore».

Risale a tre anni fa la scoperta le male. Dopo le prime cure al Cro di Aviano Annalisa si fece operare a Verona. Sembrava tutto risolto. A Natale 2013 c’è stata la ricaduta. Gli ultimi 5 mesi sono stati caratterizzati da una grande sofferenza.

La Sacilese calcio ha espresso il cordoglio della società. «Il presidente Gianpaolo Presotto, la moglie Lidia Nadal e tutta la Sacilese – si legge in una nota – si stringono con immenso affetto alla famiglia Carnelos e al piccolo pulcino biancorosso per la scomparsa della mamma Annalisa».

Stasera, alle 20, sarà recitato il rosario nella chiesa di San Giacomo e San Nicolò, dove domani alle 14.30 saranno celebrati i funerali.(r.p.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Messaggero Veneto