• Home
  •  > Notizie
  •  > Il racconto di un volontario: «Ho sentito il rumore dell’albero che cadeva, Elena era vicino a me, è stato terribile»

Il racconto di un volontario: «Ho sentito il rumore dell’albero che cadeva, Elena era vicino a me, è stato terribile»

PREPOTTO. Continua a scuotere la testa, Tiziano. Non riesce a darsi pace. È sconvolto per la morte della sua coordinatrice, Elena Lo Duca, travolta da una pianta mentre stava contribuendo a spegnere un incendio in un terreno a Cialla. È stato lui uno dei primi volontari a dare l’allarme e a chiamare i soccorsi. «Stavo lavorando poco distante da Elena – racconta –. A un certo punto ho sentito il rumore dell’albero che stava cadendo, mi sono girato e ho visto Elena schiacciata dalla pianta. È stato terribile. Ho subito chiamato gli altri volontari e abbiamo immediatamente dato l’allarme. Era una donna molto attiva, sempre in prima linea in tutto quello che faceva. Una guerriera, una donna tutta d’un pezzo, sempre presente nel momento del bisogno. Abbiamo perso una coordinatrice, ma anche una guida e un’amica».

Nel pomeriggio di giovedì 21 luglio, nella frazione di Cialla, erano presenti diversi volontari. «Elena ci aveva contattati per dare una mano dopo le operazioni di spegnimento delle fiamme effettuate dai vigili del fuoco – racconta ancora Tiziano –. Verso le 13. 30 eravamo già sul posto. Oltre a noi erano presenti anche i volontari dell’antincendio boschivo. La nostra coordinatrice stava operando per spegnere gli ultimi focolai rimasti accesi e stava utilizzando un apposito macchinario. All’improvviso la disgrazia. La pianta le è piombata addosso. Siamo sconvolti. Eravamo qui per dare una mano e la giornata si è chiusa con una tragedia».

Sul luogo dell’incidente ci sono anche i colleghi di Elena Lo Duca, che nel mese di dicembre 2021 era stata insignita del Cavalierato della Repubblica per il suo impegno costante proprio in seno alla Protezione civile.

I volti sono cupi, gli occhi arrossati, mentre si avvicinano alla figlia e al marito nel tentativo di portare un po’ di conforto.

Il sindaco, Mariaclara Forti, stringe le mani dei parenti. «Elena era una donna meravigliosa – il commento del primo cittadino –. La nostra comunità è addolorata. Abbiamo perso tanto oggi, tutti quanti».

Pubblicato su Il Messaggero Veneto