• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a don Graziano Marini, guidò la Basilica di Aquileia e decine di parrocchie

Addio a don Graziano Marini, guidò la Basilica di Aquileia e decine di parrocchie

È morto nella notte di domenica 26 giugno all’ospedale di Gorizia, dove era ricoverato da alcuni giorni, don Graziano Marini. Nato a Romans il 18 aprile 1928, era stato ordinato sacerdote 1952 nella chiesa dell’Immacolata del Seminario Minore a Gorizia dall’arcivescovo mons. Giacinto Ambrosi.

I primi anni del suo ministero lo avevano visto cooperatore a San Valentino di Fiumicello (1952), a Sant’Ambrogio a Monfalcone (1956), a Grado (1957), ad Aiello del Friuli (1957), ai Santi Nicolò e Paolo a Monfalcone (1964) e a Scodovacca (1965).

Nel gennaio del 1973 era giunta la nomina a parroco di Turriaco: nel paese della Bisiacaria rimase per un quarto di secolo, sino al 1998, rivestendo anche le cariche di Decano del decanato di Ronchi (dal 1993 al 1998) e di Membro del Collegio dei Consultori (dal 1994 al 1999).

Seppe farsi apprezzare per un percorso pastorale attento a tutte le generazioni: era un parroco fra la gente e con la gente.

Il suo carattere aperto ed accogliente gli permetteva di instaurare immediatamente un dialogo con l’interlocutore dando vita a rapporti di amicizia protratti nel tempo.

Le sue proposte di itinerari di viaggi in tutto il mondo non erano solamente mera iniziativa turistica ma erano un modo davvero singolare di unire pastorale e cultura: l’incontro con culture, lingue, religioni diverse permetteva di cogliere la diversità non come ostacolo ma come ricchezza da conoscere (senza pregiudizi) per apprezzare ancora maggiormente.

Nel 1993 l’arcivescovo padre Antonio Vitale Bommarco lo volle come direttore alla guida della Fondazione “Società per la conservazione della basilica di Aquileia”, incarico mantenuto per un decennio sino al 2003 ed a cui si affiancò anche il ruolo di Coordinatore diocesano per il Giubileo del 2000.

Sotto la sua direzione sono state numerose le iniziative volte a valorizzare la basilica come centro spirituale, artistico e culturale. Fu lui (ad esempio) a seguire la posa in opera delle passerelle in vetro che permettono oggi al visitatore di ammirare nella sua interezza e bellezza il mosaico al centro del tempio ma anche a dare vita all’iniziativa editoriale del “Corpus Scriptorum Ecclesiae Aquileiensis”, ad organizzare le prime edizioni della Stagione estiva dei concerti con solisti e gruppi corali di fama internazionale ed a proporre serate di approfondimenti storico – teologico su quanto rappresentato dalla Chiesa aquileiese nella diffusione del Vangelo nell’Europa centrale.

Un amore per Aquileia attestato anche dai volumi sulla basilica curati in prima persona. Una volta cessato l’incarico alla guida della basilica di Aquileia si era ritirato nella “sua” Romans, continuando ad assicurare ai sacerdoti che si sono susseguiti nella guida di quella parrocchia un fondamentale aiuto per la celebrazione delle messe e gli impegni pastorali. Nell’ultimo periodo era stato accolto presso la Comunità sacerdotale di Gorizia dove è stato seguito sino al momento dell’ultimo ricovero. 

Pubblicato su Il Messaggero Veneto