• Home
  •  > Notizie
  •  > L’addio ad Alessandro Poiana lunedì in chiesa a Lignano

L’addio ad Alessandro Poiana lunedì in chiesa a Lignano

Margherita Terasso

/ TAVAGNACCO

Il funerale di Alessandro Poiana, il 43enne di Tavagnacco che ha perso la vita nell’incidente accaduto il 18 maggio a Castions di Strada, sarà celebrato lunedì alle 15 nella chiesa di San Giovanni Bosco a Lignano Sabbiadoro.

«Si potrà seguire la messa anche dall’esterno attraverso uno schermo, poi la salma riposerà nel cimitero a Lignano Sabbiadoro – assicura la moglie, Isabella Eleonora Insaudo –. In quei momenti non servirà abbracciarci, staremo vicini con pensiero e preghiera».

Nel corso del rito, che sarà officiato da don Angelo, il parroco che ha unito in matrimonio la coppia nel 2013, dovranno essere rispettate le norme in materia di sicurezza.

«La chiesa è molto grande e ciò permetterà di mantenere le distanze, mentre per evitare assembramenti dopo la cerimonia andremo subito in cimitero – aggiunge la donna –. Per noi la presenza della gente è, da sola, un grandissimo segno di vicinanza: sono tante le manifestazioni d’affetto che abbiamo ricevuto in questi giorni anche da persone che non conoscevo e ringraziamo tutti coloro che ci hanno scritto. Ci fa un piacere enorme ricevere tutto questo affetto».

Tutta la famiglia di Alessandro – papà Primo e mamma Silvana piangono la scomparsa del loro unico figlio – ha scelto Lignano quale posto per il suo ultimo saluto per una ragione precisa. «È la soluzione migliore per i nostri due bambini, che quando cresceranno potranno stargli vicino e andare a trovarlo – svela Isabella, che proprio il lunedì dell’incidente stradale si è trasferita con i figli nella casa nuova a Latisana, lasciando l’appartamento di Cavalicco –. Il più grande, 3 anni e mezzo, è bravissimo: sente la mancanza del papà, dice che lo rivuole, ma sa che lui è andato a lavorare per il Signore, dietro le nuvole, e non può tornare perché c’è molto bisogno lassù. Allora gli prepara disegni e piccoli pensierini». —

Pubblicato su Il Messaggero Veneto