• Home
  •  > Notizie
  •  > Bimbo di un mese e mezzo muore durante il sonno

Bimbo di un mese e mezzo muore durante il sonno

Il piccolo stava dormendo nel letto matrimoniale assieme a mamma e papà Dramma nella Bassa friulana. Si indaga per omicidio colposo contro ignoti

Tragedia nella notte tra venerdì e ieri nella Bassa friulana. Un bambino di un mese e mezzo è deceduto a Perteole, frazione di Ruda. Erano circa le 2.30. Il piccolo Saimon Zimolo si trovava nella camera dei genitori. Pare stesse dormendo nel letto matrimoniale assieme a mamma e papà. È stato il padre, Davide Zimolo, 34 anni, originario di Romans d’Isonzo, ad accorgersi per primo che il figlio non respirava. I genitori, disperati e in preda al panico, hanno subito dato l’allarme. I sanitari della Croce verde Basso Friuli di Cervignano sono accorsi in pochi minuti con un’ambulanza. Hanno fatto tutto il possibile per salvare Saimon. Il piccolo è stato intubato e soccorso tempestivamente. Il personale medico ha tentato di rianimarlo per più di un’ora, ma non c’è stato nulla da fare. Nell’abitazione di via Duca d’Aosta 26 sono sopraggiunti anche i carabinieri della stazione di Torviscosa per ricostruire l’accaduto. Le forze dell’ordine hanno informato il magistrato di turno della Procura di Udine. È stato poi concesso il nulla osta per la rimozione della piccola salma, portata al vicino ospedale di Palmanova, dove sarà eseguita l’autopsia per capire le cause del decesso.

Il papà, operaio, e la mamma, Jenny Bergamo, 22 anni, casalinga, sono comprensibilmente sconvolti dal dolore. Un dramma che toglie il fiato. La Procura di Udine ha aperto un fascicolo per omicidio colposo (compiuto cioè senza alcuna intenzionalità) a carico di ignoti. Un atto dovuto, come accade in questi casi, per consentire di chiarire le cause che hanno portato al decesso del piccolo. Come confermato dal capo della Procura udinese, Antonio De Nicolo, sarà l’autopsia dunque a chiarire cosa ha provocato la morte del bimbo, ma al momento l’ipotesi per la quale si propende è quella dell’episodio accidentale. La perizia dovrà chiarire se il decesso è avvenuto a causa di un trauma o se fatale non sia stato piuttosto un improvviso malessere.

La notizia ha fatto rapidamente il giro del piccolo centro della Bassa friulana. La comunità si è stretta attorno alla famiglia Zimolo. Il sindaco di Ruda, Franco Lenarduzzi, esprime la vicinanza ai familiari. Ieri mattina, in municipio, c’è stato il tradizionale brindisi natalizio. È toccato al primo cittadino informare i presenti dell’accaduto. «È una notizia – ha detto il primo cittadino – che ha turbato profondamente la comunità di Ruda. Alla famiglia Zimolo va tutto il nostro affetto».(e.m.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Messaggero Veneto