• Home
  •  > Notizie
  •  > Morta Luigina Pellegrini, la maestra medaglia d’oro per l’insegnamento nelle scuole pubbliche

Morta Luigina Pellegrini, la maestra medaglia d’oro per l’insegnamento nelle scuole pubbliche

Nata e sempre vissuta a Udine, aveva 99 anni: l‘onorificenza le fu riconosciuta nel 1985

UDINE. Addio a Luigina Pellegrini, la maestra medaglia d’oro per l’insegnamento nelle scuole pubbliche. È morta venerdì 22 luglio, aveva 99 anni.

«È stata un’insegnante elementare della vecchia guardia – racconta la figlia Maria –; come tutti in quel tempo da giovane andava a lavorare in bicicletta, avventurandosi nei paesi della periferia. Ha cominciato a insegnare a 18 anni a Campoformido. Una volta trascorse le prime esperienze e guadagnato un buon punteggio, ha potuto avvicinarsi a Udine e ha cominciato a insegnare alla Dante, scuola del quartiere delle Magnolie. Accompagnava i bambini dalla prima alla quinta e di tanti di loro ha poi seguito la crescita e il percorso professionale. E questi legami nel tempo si sono forse allentati, ma mai spezzati».

Nata a Udine il 21 gennaio del ’23 Luigina Pellegrini ha sempre vissuto in città. Si era sposata nel ’49 con Francesco Zanetti, anche lui insegnante. Dalla loro unione sono nati due figli, Maria e Giovanni. Al momento di andare in pensione, dopo oltre 40 di apprezzato servizio, ha ricevuto la medaglia d’oro per l’insegnamento nelle scuole pubbliche. Il riconoscimento era stato formato da Sandro Pertini e portava la data del 31 maggio 1985. Dopo aver sostenuto i figli fino alla laurea e nella loro realizzazione, ha avuto la gioia di diventare nonna e bisnonna.

«Ha sempre studiato e dato il massimo – conclude la figlia –, era rigorosa, ma con lei non mancavano i momenti di dolcezza. Amava il suo lavoro: diceva che era il più bello del mondo che i regali più belli che aveva avuto dalla vita erano i figli e, appunto, il lavoro».

I funerali saranno celebrati martedì 26 luglio alle 15.30 nella chiesa del cimitero San Vito di Udine, partendo dalla casa funeraria Mansutti.

Pubblicato su Il Messaggero Veneto