In evidenza
Sezioni
Annunci
Quotidiani NEM
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Chiese in Provincia di Gorizia - città di Medea: Chiesa dell'Esaltazione della Santa Croce

Chiesa dell'Esaltazione della Santa Croce
Chiesa di Sant'Antonio Chiesa dell'Esaltazione della Croce Esaltazione della S. Croce

GORIZIA / MEDEA
Medea (GO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Gorizia
Tipologia: chiesa
Non si conosce l'anno esatto di costruzione della chiesa; secondo alcuni studiosi è antecedente alla costruzione della chiesa parrocchiale, medievale, eretta nel paese proprio per agevolare i fedeli in quanto quella sul colle risultava troppo lontana e scomoda al raggiungimento. Durante il Settecento la chiesa versava in pessime condizioni e fu restaurata; fu dotata anche di altari marmorei. Nel corso dell'Ottocento fu completata esternamente con la costruzione della scalinata di risalita,... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Non si conosce l'anno esatto di costruzione della chiesa; secondo alcuni studiosi è antecedente alla costruzione della chiesa parrocchiale, medievale, eretta nel paese proprio per agevolare i fedeli in quanto quella sul colle risultava troppo lontana e scomoda al raggiungimento. Durante il Settecento la chiesa versava in pessime condizioni e fu restaurata; fu dotata anche di altari marmorei. Nel corso dell'Ottocento fu completata esternamente con la costruzione della scalinata di risalita, del piazzale antistante e del campanile. In seguito ai danni subiti durante la prima guerra mondiale, fu risistemata rimaneggiando l'aspetto originario. Nel 1973 fu portata la linea della corrente elettrica sul colle e la chiesa venne fornita di impianto elettrico.

Impianto planimetrico

La chiesa è situata su di un colle; è preceduta da una scalinata ed è circondata da un muretto in pietra. L'edificio è orientato a Nord Est. La configurazione planimetrica è molto semplice: si compone di un'unica navata longitudinale con due cappelle laterali e di un presbiterio a base quasi quadrata. A destra e a sinistra del presbiterio vi sono due vani, comunicanti con questo, adibiti a sacrestia e a magazzino. Nella navata, in corrispondenza dell'ultima campata della copertura verso il fondo della chiesa, vi sono quattro colonne su cui sono impostati tre archi a tutto sesto che separano la zona d'ingresso dalla navata vera e propria. Le dimensioni massime della chiesa sono: lunghezza 24,37 ml; larghezza 6,67 ml e altezza navata - colmo sotto trave 5,77 ml; altezza navata - catena di capriata 3,94 ml.

Strutture verticali

Tutte le murature sono in pietrame; l'intero edificio è intonacato e tinteggiato color giallino. La facciata principale a capanna è liscia. A coronamento è percorsa da una serie di archetti in mattoni tinteggiati color rosso scuro ed al centro si apre una monofora a vela in cui è inserita la statua di Sant'Antonio di Padova in pietra bianca. In asse con la navata si apre il portale d'ingresso ad arco a tutto sesto, inquadrato in pietra, sopra a cui è collocata una croce tinteggiata rosso scuro. Le facciate laterali presentano alcune discontinuità dovute alla cappelle laterali ed ai locali annessi; vi si aprono due finestre per lato in corrispondenza della navata, una nelle cappelle laterali sul lato del fronte principale, due nella sacrestia ed una nel magazzino; una porta d'ingresso secondaria si apre nel magazzino ed un'altra si apriva nella navata sul fianco destro, ora tamponata.

Coperture

La chiesa presenta una copertura a due falde con manto in coppi. All'intradosso nella navata la struttura a capriate lignee con sottomanto in pianelle di laterizio è lasciata a vista, mentre il presbiterio è sormontato da una volta a crociera costolonata.

Campanile

Il campanile è addossato al corpo della chiesa, dietro al presbiterio, ed è accessibile esclusivamente da questo ambiente. La torre campanaria, in pietra a vista, è a base quadrata, non molto alta e tozza; nella cella, in cui sono ospitate tre campane, si apre una bifora per lato, protetta da una ringhiera in ferro; è sormontata da un tamburo ottagonale con archetti ed occhi su cui è impostata una cupola in lamiera.

Apparato decorativo

L'interno della chiesa, intonacato e tinteggiato color crema, ha un aspetto essenziale. Nella navata è stata creata una zona d'ingresso separata dalla navata vera e propria mediante tre archi a tutto sesto impostati su due paraste laterali e due pilastri a sezione poligonale. Le cappelle laterali, inquadrate da archi a tutto sesto impostati su lesene con capitello dorico, ospitano gli altari. La pavimentazione è realizzata in lastre quadrate di pietra bianca e nera, messe in opera diagonalmente. Lungo la parete sinistra è collocata la tomba di famiglia dei conti Del Mestri, una lapide appartenente sempre ai conti Del Mestri ed una lapide votiva; in una nicchia è contenuta la statua di Sant'Antonio Abate, contitolare della chiesa

XIII (?) - XIII (?) (costruzione intero bene)

Costruzione della chiesa; non vi sono fonti in merito alla costruzione dell'edificio, ma si presuppone sia antecedente alla chiesa parrocchiale.

XVIII - XVIII (restauro intero bene)

Restauro generale della chiesa, in seguito alle pessime condizioni in cui versava.

1753 - 1753 (completamento interno della chiesa)

Realizzazione dell'altare della Beata Vergine del Rosario - in precedenza dei Santi Antonio Abate e Antonio di Padova - ad opera dell'altarista udinese Simone Pariotti.

1755 - 1755 (completamento interno della chiesa)

Realizzazione dell'altar maggiore, ad opera dell'altarista udinese Simone Pariotti.

1814 - 1814 (completamento interno della chiesa)

Realizzazione dell'altare del Crocifisso - in precedenza dedicato a San Valentino - ad opera dell'altarista goriziano Francesco Zolli.

1815 - 1815 (completamento esterno della chiesa)

Costruzione della scalinata di risalita alla chiesa, ad opera dei fratelli Biaggio ed Antonio Martinis.

1870 - 1870 (completamento esterno della chiesa)

Erezione del campanile; negli anni successivi è stato realizzato il piazzale antistante la chiesa ed è stata avviata la costruzione della strada.

1915 - 1918 (demolizione parziale intero bene)

La chiesa subì ingenti danni durante la prima guerra mondiale.

1931 - 1931 (rifacimento facciata)

Realizzazione della nuova facciata nel suo aspetto attuale.

1963 - 1963 (restauro esterno della chiesa)

Lavori di restauro del campanile, in particolare della copertura.

Mappa

Cimiteri a GORIZIA

Via Gabriele D' Annunzio Ronchi Dei Legionari (Go)

Via Xxiv Maggio Monfalcone (Go)

Via Trieste Gorizia (Go)

Onoranze funebri a GORIZIA

Via Iii Armata 3 Gorizia

Viale Cavarera 1/I Grado

Via Cividale 58 34076 Romans D'isonzo