Chiese in Provincia di Gorizia - città di : Chiesa della Beata Vergine Lauretana

Chiesa della Beata Vergine Lauretana
Glesia di San Roc B.V. Lauretana

GORIZIA
Via Lauretana - Versa, Romans d'Isonzo (GO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Gorizia
Tipologia: chiesa
La chiesetta della Beata Vergine Lauretana, fino all'inizio del XVIII secolo intitolata alla Madonna dei Miracoli, è frutto di diversi momenti costruttivi, scoperti durante il restauro degli anni Novanta e volutamente messi in luce. Sorto tra il XVI e il XVII secolo sul luogo di una precedente edicola, il primo nucleo era costituito da una cappella in corrispondenza dell'attuale presbiterio, di cui è stato rinvenuta anche la pavimentazione in cocciopesto impastato con polvere di pietra dello... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesetta della Beata Vergine Lauretana, fino all'inizio del XVIII secolo intitolata alla Madonna dei Miracoli, è frutto di diversi momenti costruttivi, scoperti durante il restauro degli anni Novanta e volutamente messi in luce. Sorto tra il XVI e il XVII secolo sul luogo di una precedente edicola, il primo nucleo era costituito da una cappella in corrispondenza dell'attuale presbiterio, di cui è stato rinvenuta anche la pavimentazione in cocciopesto impastato con polvere di pietra dello spessore di circa 2 cm. Tra il 1619 ed il 1645 la chiesa fu ampliata con la costruzione della navata, preceduta da un pronao, ed in seguito con la cappella di San Rocco sul fianco destro della navata; sul finire del XVII secolo la chiesa fu arricchita con gli stucchi che adornano l'arco santo e la cappella di San Rocco, attribuiti a Giovanni Pacassi. Ulteriori lavori furono attuati nel corso del XVIII secolo, con la costruzione della sacrestia, la sopraelevazione del presbitero dove fu collocato un nuovo altare marmoreo, l'esecuzione degli affreschi ex voto nella navata. Negli anni Venti del XIX secolo l'edificio subì un consistente intervento di rifacimento per cui il pronao fu chiuso e conglobato nella navata, furono aperte due finestre laterali; anche la facciata fu rifatta, conferendole una forma rettangolare ed in seguito affrescata con la realizzazione di un nuovo campaniletto a vela con bifora ma nel 1930 fu riportata all'aspetto originario a capanna con monofora campanaria. Gli ultimi lavori di restauro furono realizzati tra il 1994 e il 1995.

Preesistenze

L'affresco con l'immagine della Madonna con il Bambino, riscoperto nel muro del presbiterio durante i lavori degli anni Novanta, restaurato ed in seguito posizionato sul fianco sinistro della navata, appartiene ad un'edicola (capitello) che si ergeva al centro dell'attuale navata, in cui si può individuare la prima struttura dell'attuale chiesetta. Questa primitiva costruzione sorse all'incrocio di strade dal fondo ciottoloso che raggiungevano i guadi del torrente Torre; i tratti stilistici dell'affresco fanno risalire la collocazione temporale al XVI secolo. Il capitello era costituito da un basamento rettangolare, poggiante su uno strato omogeneo di acciottolato che interessa parte dell'area occupata attualmente dalla chiesa, sopra a cui al centro si innalzava una semplice struttura anch'essa rettangolare e leggermente arcuata nella parte superiore che conteneva l'immagine della Madonna con il Bambino. Con la costruzione della chiesa l'alzata dell'edicola con l'affresco fu trasportata sul muro di fondo del presbiterio.

Impianto planimetrico

La chiesa è orientata ad Ovest; si trova all'incrocio di tre strade di campagna ed è preceduta da un breve sagrato in ghiaia. La configurazione planimetrica è molto semplice: l'edificio si compone di un'unica navata longitudinale, con una cappella laterale sul fianco destro e un presbiterio a base quasi quadrata. Addossata al presbiterio, sul lato sinistro vi è la sacrestia. Le dimensioni massime della chiesa sono: lunghezza 20,95 ml; larghezza 5,88 ml; altezza navata - colmo sotto trave 6,51 ml; altezza navata - catena di capriata 4,86 ml.

Strutture verticali

Tutte le murature sono in pietrame. L'edificio è interamente intonacato e tinteggiato in color bianco sporco. La facciata principale, a capanna, è liscia con una cornice modanata che segue la linea delle falde di copertura e prosegue sotto la linea di gronda lungo l'intero perimetro dell'edificio; in asse con la navata si aprono un portale inquadrato in pietra e sormontato da architrave e, nella parte superiore, un occhio circolare; sopra alla copertura si erge un campaniletto a vela in cui si apre una monofora. Anche le pareti laterali sono lisce e presentano le sole discontinuità dettate dalla cappella e dalla sacrestia; vi sono due finestre rettangolari per parte in corrispondenza della navata - una sul fianco sinistro di fronte alla cappella di San Rocco è stata t

XVI - XVI (preesistenza intero bene)

Costruzione di un'ancona dedicata alla Madonna dei Miracoli, per scongiurare lo straripamento e, nel caso si verificasse, per auspicare il risanamento del territorio; di questa primitiva struttura si conserva l'affresco raffigurante la Madonna con il Bambino, attualmente collocato sulla parete sinistra della navata.

inizio XVI - inizio XVI (dedicazione intero bene)

Cambiamento di intitolazione della chiesetta alla Beata Vergine Lauretana, in sostituzione dell'originale dedicazione alla Madonna dei Miracoli. La nuova intitolazione viene indicata per la prima volta nella relazione della visita arcidiaconale di Giuseppe Antonio Del Mestri nel 1716.

1619 - 1619 (costruzione intero bene)

Edificazione del primo nucleo della chiesa, corrispondente all'attuale presbiterio. Questa struttura è citata in un documento del 22 luglio 1619, proveniente dall'Ufficio Arcidiaconale di Gorizia, in cui il Comune di Versa richiedeva il permesso di proseguire con l'edificazione della chiesa.

1619 - 1646 (ampliamento intero bene)

Ampliamento dell'edificio, con la costruzione della navata ed in seguito del pronao che la precede; sulla parete destra della navata vengono riportate due date, 1641 e 1646.

metà XVII - metà XVII (completamento interno della chiesa)

Apertura della cappella di San Rocco, sul fianco destro della navata, dove nel 1682 fu collocato l'altare ligneo.

1682 - 1682 (decorazione interno della chiesa)

Realizzazione degli stucchi interni che adornano l'arco santo e l'arco e la volta della cappella di San Rocco e delle cornici a pendant della navata, commissionati da Olivo d'Olivi e attribuiti a Giovanni Pacassi.

XVIII - XVIII (ampliamento e rifacimento intero bene)

Costruzione della sacrestia, sul fianco sinistro della navata e sopraelevazione del presbiterio.

1736 - 1736 (completamento interno della chiesa)

Realizzazione dell'altare maggiore, per volontà del pievano Giovanni Battista Catterini (si veda l'iscrizione incisa sul ripiano sopra la mensa).

1765 - 1765 (consacrazione intero bene)

Consacrazione della chiesa il giorno 16 agosto 1765 da parte dell'Arcivescovo di Gorizia Carlo Michele d'Attems - si veda la lapide immurata sopra la porta della sacrestia.

1824 - 1850 (rifacimento intero bene)

Ampliamento dell'edificio, con il prolungamento della navata estesa fino a comprendere il pronao, chiudendovi gli arconi laterali. La facciata fu rifatta, conferendole una forma rettangolare.

1850 - 1855 (decorazione facciata)

Esecuzione degli affreschi della facciata, ad opera di Rocco Pitacco.

1885 - 1885 (completamento interno della chiesa)

Realizzazione dell'altare di San Rocco, in sostituzione del precedente ligneo (si veda l'iscrizione incisa sul ripiano sopra la mensa).

1930 - 1952 (rifacimento esterno della chiesa)

In seguito ai danni riportati durante la prima guerra mondiale, la chiesa fu restaurata. La facciata fu oggetto di rifacimento, ripristinando l'originale forma a capanna; fu sostituito il campaniletto a vela, in cui fu aperta una monofora in loco della precedente bifora. Durante quei lavori furono aperte anche due finestre laterali (1928).

1994 - 1995 (restauro intero bene)

Restauro dell'edificio, per volontà del parroco don Albino Bilibio. L'intervento, diretto dall'architetto Ivo Scagliarini, interessò sia le strutture che l'apparato decorativo. I lavori furono eseguiti dall'impresa del sig. Marcello Colossetti di Perteole, mentre il restauro dell'apparato decorativo fu affidato al sig. Renzo Lizzi di Artegna. La chiesa fu riaperta al culto il 10 dicembre 1995 con la solenne benedizione dell'arcivescovo di Gorizia, mons. Antonio Vitale Bommarco.

Mappa

Cimiteri a GORIZIA

Via Xxiv Maggio Monfalcone (Go)

Viale Argine Dei Moreri 3 Grado (Go)

Via Trieste Gorizia (Go)

Onoranze funebri a GORIZIA

Via Aquileia 13 34072 Gradisca D'isonzo

Pzza Della Repubblica 34074 Monfalcone

Via Iii Armata 3 Gorizia