In evidenza
Sezioni
Annunci
Quotidiani NEM
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Chiese in Provincia di Gorizia - città di : Chiesa di Santa Maria Maddalena

Chiesa di Santa Maria Maddalena
S. Maria Maddalena

GORIZIA
Begliano, San Canzian d'Isonzo (GO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Gorizia
Tipologia: chiesa
Una ricostruzione dell’evoluzione storica della chiesa di Santa Maria Maddalena risulta limitata e compromessa a causa della carenza di documenti e fonti. L’esistenza di una chiesa a Begliano intitolata a Santa Maria Maddalena è attestata da fine Quattrocento. Le prime notizie in merito all’edificio sono riconducibili alla relazione della visita apostolica, eseguita dall’abate di Moggio Bartolomeo da Porcia, da cui risulta che la chiesa era dotata dell’altare maggiore dedicato a Santa Maria... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Una ricostruzione dell’evoluzione storica della chiesa di Santa Maria Maddalena risulta limitata e compromessa a causa della carenza di documenti e fonti. L’esistenza di una chiesa a Begliano intitolata a Santa Maria Maddalena è attestata da fine Quattrocento. Le prime notizie in merito all’edificio sono riconducibili alla relazione della visita apostolica, eseguita dall’abate di Moggio Bartolomeo da Porcia, da cui risulta che la chiesa era dotata dell’altare maggiore dedicato a Santa Maria Maddalena e di due altari laterali; esternamente vi era il cimitero. L’attuale conformazione della chiesa risale ad un rifacimento ed ampliamento realizzato a metà del Settecento, tra il 1744 (datazione di una visita pastorale in cui per Begliano non è citata la chiesa di Santa Maria Maddalena ma un oratorio pubblico dei marchesi Fabris di Beano, fatto che fa supporre che l’oratorio venisse utilizzato provvisoriamente per poter effettuare i lavori alla chiesa) ed il 1767, data della consacrazione della chiesa. I lavori di completamento con gli altari ed esecuzione delle opere pittoriche si protrassero fino ad inizio Ottocento, mentre la cantoria fu realizzata solo ad inizio Novecento. In contemporanea alla chiesa fu eretto anche il campanile, concluso nel 1771. Nel corso del tempo furono eseguiti degli interventi di manutenzione e restauro che, come attestano le fonti fotografiche, non sembrano aver alterato l’aspetto settecentesco. Anche i recenti restauri furono limitati ad un rinnovamento degli intonaci, delle pitturazioni e dell’apparato decorativo nonché degli impianti tecnologici.

Preesistenze

La chiesa, orientata a Nord, è caratterizzata da una configurazione planimetrica a croce latina; si compone di un’unica navata rettangolare, con una nicchia per lato, di un transetto con due absidi semicircolari ai lati di entrambi i bracci e di un presbiterio a base quasi quadrata concluso sul fondo da un’abside triangolare con gli angoli smussati all’intradosso; anche gli spigoli della navata e del quadrato d’intersezione tra navata e transetto sono smussati con una soluzione curva concava. A sinistra del presbiterio, con accesso dal transetto, vi è la sacrestia a pianta rettangolare, sempre su questo lato, prima del transetto, vi è il locale caldaia con solo accesso esterno. Esternamente l’edificio è preceduto da un sagrato dove sul lato sinistro ad una distanza di circa 3 m dalla chiesa si erge il campanile, con struttura isolata; dietro alla torre vi è il vecchio cimitero delimitato su due lati da un muretto, su un lato dal corpo della chiesa, sul fronte principale da un cancelletto in ferro e dal campanile. Le dimensioni massime interne della chiesa sono: lunghezza 26,33 ml; larghezza navata 7,95 ml; larghezza transetto 14,85 ml; altezza navata 10,09 ml; altezza navata - cupola - 16,40 ml; altezza navata - cupola e cupolino - 18,98 ml.

Strutture verticali

Tutte le murature sono in pietrame, intonacate e tinteggiate di color beige, mentre le modanature sono bianche. La facciata, con struttura a salienti, è scandita verticalmente in tre fasce - di cui quella centrale più larga - da quattro lesene impostate su un basamento in pietra e desinate da capitello ionico - le lesene centrali presentano una base più alta e sono affiancate esternamente da due semilesene di altezza uguale alle lesene laterali. Sopra ai capitelli corre una trabeazione con cornice modanata: le fasce laterali sono protette da un breve spiovente; la parte centrale, più alta, è conclusa da un frontone, con cornice modanata aggettante e timpano liscio, ed è affiancata lateralmente da due profili curvi concavi che raccordano il frontone stesso allo spiovente delle fasce laterali. In asse con la navata si apre il portale d’ingresso, inquadrato da una cornice modanata in pietra d’Aurisina su cui è impostato un frontone a cornice mistilinea spezzata che sorregge un vasetto decorativo; sopra al portale vi è un rosone strombato; le fasce laterali presentano, all’altezza

fine XV (? - fine XV (? (fonte intero bene)

Esistenza di una chiesa in onore a Santa Maria Maddalena penitente.

metà XVIII - fine XVIII (rifacimento ed ampliamento intero bene )

Intervento di rifacimento della chiesa. I lavori potrebbero essere stati eseguiti dal capomastro Lorenzo Martinuzzi, all’epoca impegnato anche nella parrocchiale della vicina Turriaco.

1767 - 1767 (consacrazione intero bene)

La chiesa fu consacrata il 18 giugno 1767 dal vescovo di Udine Giovanni Girolamo Gradenigo - si veda la scritta dipinta in controfacciata, visibile dalla cantoria e la lapide inscritta collocata sulla parete di fondo a destra dell’ingresso. In quest’occasione la chiesa, seppur terminata nelle parti fondamentali, non era del tutto ultimata.

1771 - 1771 (costruzione esterno della chiesa)

Erezione del campanile - si veda la lapide immurata sopra alla porta d’ingresso della torre.

inizio XIX - inizio XIX (decorazione interno della chiesa)

Realizzazione degli affreschi nei pennacchi della cupola e dell’affresco della navata (quest’ultimo, per cui è stata indicata anche una datazione anteriore di circa cinquant’anni andò perduto negli anni Sessanta e solo recentemente è stato rifatto).

XIX - XIX (restauro esterno della chiesa)

Intervento di consolidamento del campanile ed innalzamento dello stesso.

1908 - 1908 (completamento interno della chiesa)

Erezione della cantoria, ad opera dei fratelli Filipponi di Udine.

1960 - 1960 (rifacimento intero bene)

Ricostruzione di parte del soffitto che era crollato.

1987 - 1988 (restauro intero bene)

Intervento di restauro degli intonaci e delle coperture.

2007 - 2007 (restauro intero bene)

Restauro generale dell’edificio per volontà del parroco don Giorgio Longo. L’intervento consistette nel rinnovo degli intonaci, delle pitturazioni e nel restauro dell’apparato pittorico - decorativo. In quest’occasione furono risistemati gli impianti tecnologici e installato il sistema di antifurto. A fine lavori la chiesa fu benedetta dall’arcivescovo di Gorizia Dino De Antoni il 31 marzo 2007.

Mappa

Cimiteri a GORIZIA

Via Xxiv Maggio Monfalcone (Go)

Via Gabriele D' Annunzio Ronchi Dei Legionari (Go)

Via Trieste Gorizia (Go)

Onoranze funebri a GORIZIA

Via Cividale 58 34076 Romans D'isonzo

Pzza Della Repubblica 34074 Monfalcone

Via S. Polo 83 34074 Monfalcone