In evidenza
Sezioni
Annunci
Quotidiani NEM
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Chiese in Provincia di Gorizia - città di : Chiesa di Nostra Signora di Lourdes

Chiesa di Nostra Signora di Lourdes

GORIZIA
Via Brigata Campobasso - Piedimonte del Calvario, Gorizia (GO)
Culto: Cattolico
Diocesi: Gorizia
Tipologia: chiesa
La chiesa di Nostra Signora di Lourdes fu costruita ex novo a servizio degli abitanti del quartiere periferico in espansione dopo la seconda guerra mondiale e per il quale nel 1964 fu istituita anche la nuova parrocchia. L’edificio, progettato dall’architetto Mario Baresi, si caratterizza per un impianto longitudinale tradizionale connotato da una forte simmetria, rotta dal posizionamento del campanile a vela a sinistra della facciata, piuttosto inusuale rispetto alla tradizione che lo... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa di Nostra Signora di Lourdes fu costruita ex novo a servizio degli abitanti del quartiere periferico in espansione dopo la seconda guerra mondiale e per il quale nel 1964 fu istituita anche la nuova parrocchia. L’edificio, progettato dall’architetto Mario Baresi, si caratterizza per un impianto longitudinale tradizionale connotato da una forte simmetria, rotta dal posizionamento del campanile a vela a sinistra della facciata, piuttosto inusuale rispetto alla tradizione che lo prevede sopra la facciata. La chiesa è realizzata con tecniche costruttive contemporanee - quali il calcestruzzo armato - e adottando soluzioni compositive, in particolare della copertura, tipiche degli anni Sessanta del Novecento, come anche il rivestimento in pietra a spacco, ma riferibili all’architettura civile. Nell’insieme la composizione si caratterizza per linee essenziali ma ben definite valorizzate dal contrasto tra materiali; anche l’interno rivela una certa pulizia formale, con tutti gli elementi liturgici concentrati nella zona presbiterale e l’apparato pittorico decorativo essenziale. Conclusa agli inizi degli anni Settanta, la chiesa agli inizi del Duemila fu oggetto di un rifacimento che modificò la struttura della copertura all’intradosso, coprendo l’originale senso compositivo che voleva la struttura a vista.

Impianto planimetrico

La chiesa parrocchiale di Nostra Signora di Lourdes sorge in posizione arretrata rispetto al fronte stradale, preceduta da un ampio piazzale che funge anche da sagrato, con spazi verdi, in parte adibito a parcheggio. L’edificio, orientato ad Est – Nord Est, è connotato da una configurazione planimetrica semplice, composta da un’unica navata longitudinale, con una nicchia quadrangolare nel fianco sinistro, e di un presbiterio a base rettangolare, più stretto della navata, che si protende nella navata, allargandosi sul lato destro fino al muro perimetrale, formando una sorta di “L” ; in corrispondenza dell’ingresso è stata creata una zona filtro larga come tutta la navata e separata da questa da tre portali privi di serramenti: al centro vi è una bussola d’ingresso, nell’antro di sinistra un confessionale mentre quello di destra è vuoto. Dietro al presbiterio vi è la sacrestia a pianta rettangolare trasversale: è affiancata su entrambi i lati da due vani rettangolari, di cui quello di sinistra funge da atrio d’ingresso dall’esterno ed è collegato al fondo della navata, quello di destra, con un piano soppalcato, è adibito a magazzino e consente l’ingresso al presbiterio nel fianco destro; a sinistra vi è annesso anche un servizio igienico. La chiesa esternamente è preceduta da uno spazio porticato: il fianco sinistro è chiuso a tutta altezza dall’apparato murario della vela campanaria, quello destro da un basso muretto. A sinistra della chiesa si sviluppano le opere parrocchiali caratterizzate da un impianto longitudinale collegato alla sacrestia da uno spazio porticato, formando una sorta di corte anteriore chiusa sul fronte da un muretto in pietra a sinistra del campanile. Le dimensioni massime della chiesa sono: lunghezza 19,32 ml; larghezza 13,95 ml; altezza navata - imposta copertura 3,62 ml; altezza navata - colmo 8,28 ml.

Strutture verticali

Tutte le murature sono in calcestruzzo armato, con tamponamento in laterizio. La facciata principale presenta un rivestimento in pietra grigia del Carso bugnata; in tutta la sua larghezza, è preceduta dal portico, sopraelevato dal sagrato di tre gradini e protetto da una falda a pendenza discendente - più alta all’esterno - con trave di bordo e travetti fuori spessore in calcestruzzo armato a vista e conclusa sul fronte da una rivisitazione in calcestruzzo di cornice dentellata; il fianco sinistro del portico è chiuso a tutt’altezza dal muro del campanile - che fuoriesce dal pronao - dove è stata ricavata una nicchia trapezoidale che ospita la statuetta in marmo bianco del Sacro Cuore di Gesù; sull’altro lato è protetto da un basso muretto da cui,

1961 - 1969 (proprietà fondiaria intero bene)

L’iter per la costituzione della nuova parrocchia nel quartiere in espansione della Madonnina prese avvio nel 1961 con la richiesta a mons. Luigi Ristits, direttore dell’Ufficio Amministrativo della Curia e della Commissione diocesana di Arte Sacra, da parte di un gruppo di fedeli, con l’interessamento di don Corrado Bertoldi, di avviare le pratiche per la costruzione di una chiesa; l’anno successivo mons. Ristits sollecitava l’arcivescovo mons. Giacinto Ambrosi ad interessarsi presso il Comune di Gorizia per l’acquisto di un terreno destinato al complesso parrocchiale; i terreni su cui sorgono la chiesa e le opere parrocchiali furono donati dal Comune di Gorizia.

1963 - 1969 (costruzione intero bene)

Costruzione della chiesa e dell’annesso complesso parrocchiale. Il progetto fu affidato nel 1963 all’architetto Mario Baresi - compresa quella degli arredi liturgici -, mentre i calcoli strutturali e la direzione dei lavori furono seguiti dall’ingegnere Gelserino Graziato; i lavori furono eseguiti dalle imprese Petarin Benigno e Cernigoi Luciano. La prima pietra fu posata e benedetta dall’arcivescovo mons. Pietro Cocolin il 1.o dicembre 1968; alla conclusione dei lavori, la chiesa fu benedetta il 21 dicembre 1969.

1964 - 1965 (istituzione intero bene)

Costituzione di una nuova parrocchia nel quartiere della Madonnina, sviluppatosi dopo la seconda guerra mondiale nella periferia di Gorizia, i cui abitanti inizialmente erano stati affidati alla cura pastorale delle parrocchie di Lucinico e Piedimonte. L’iter istituzionale fu portato a compimento nel 1964 dall'arcivescovo Andrea Pangrazio con l’istituzione della parrocchia di Nostra Signora di Lourdes; il riconoscimento civile avvenne nel 1965.

1964 - 1965 (preesistenza intero bene)

Costruzione di un capannone in lamiera da destinare alle celebrazioni liturgiche su un terreno messo a disposizione dal Comune - diverso da quello dove sorge l’attuale parrocchiale. La domanda di licenza edilizia fu presentata nel febbraio del 1964 e la licenza fu consegnata il 17 marzo dello stesso anno; il 16 marzo 1965 la cappella prefabbricata fu benedetta dall’arcivescovo mons. Andrea Pangrazio e vi si iniziò a celebrare.

1970 - 1970 (consacrazione intero bene)

La chiesa fu consacrata l’11 febbraio 1970 dall’arcivescovo Pietro Cocolin.

1970 - 1994 (decorazione interno della chiesa)

Completamento della chiesa con la realizzazione dell’apparato decorativo; le opere pittoriche furono eseguite dagli artisti goriziani Aldo Fabbro e Francesco Bregant; quelle scultoree sono ad opera dei professori Mario Sartori e Tino Piazza, a cui si devono anche i quadri della via crucis.

2000 - 2010 (rifacimento interno della chiesa)

Realizzazione di una controsoffittatura interna che copre l’originaria copertura con travi e travetti in calcestruzzo armato lasciati a vista.

Mappa

Cimiteri a GORIZIA

Via Trieste Gorizia (Go)

Viale Argine Dei Moreri 3 Grado (Go)

Via Xxiv Maggio Monfalcone (Go)

Onoranze funebri a GORIZIA

Via Fatebenefratelli, 26 34170 Gorizia

Via S. Polo 83 34074 Monfalcone

Pzza Della Repubblica 34074 Monfalcone