Chiese in Provincia di Udine - città di Tarcento: Chiesa di San Pietro Apostolo

Chiesa di San Pietro Apostolo
S. Pietro Ap.

UDINE / TARCENTO
Tarcento (UD)
Culto: Cattolico
Diocesi: Udine
Tipologia: chiesa
Edificio orientato il cui organismo risulta composito a partire dal nucleo centrale al quale si aggregano le parti aggiunte, segnatamente le due navate laterali e tutt'intorno i corpi di sacrestia scanditi da lesene doriche poggianti su alto basamento al di sopra delle quali si importa l'alto cornicione. Nelle partizioni delle lesene sono aperti due ordini di finestre a tutto sesto. Il sedime è rialzato di cinque gradini dal piano stradale. L'aula è conclusa da una profonda abside... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

Edificio orientato il cui organismo risulta composito a partire dal nucleo centrale al quale si aggregano le parti aggiunte, segnatamente le due navate laterali e tutt'intorno i corpi di sacrestia scanditi da lesene doriche poggianti su alto basamento al di sopra delle quali si importa l'alto cornicione. Nelle partizioni delle lesene sono aperti due ordini di finestre a tutto sesto. Il sedime è rialzato di cinque gradini dal piano stradale. L'aula è conclusa da una profonda abside rettangolare, culminante con tamburo e lanterna. Torre campanaria a meridione, discosta dalla chiesa. Il prospetto principale è a capanna con paramento in pietra a vista; il portale è ad arco ogivale con sovraimposta finestra rettangolare e timpano con oculo centrale. Le due partizione laterali in facciata, corrispondenti alla due navate laterali, sono più basse e a unico spiovente; hanno portale in pietra modanata e soprastante finestra rettangolare. L'interno è suddiviso in tre navate da tre arconi a tutto sesto intervallati da pilastri e paraste in stile composito, entro i quali si aprono due archi. Il soffitto a volta a vela della navata centrale poggia su un alto cornicione modanato a correre, decorato con affreschi. Al di sopra del cornicione della navata centrale si aprono tre finestre rettangolari per lato. L'aula si conclude ad esedra sopraelevata di tre gradini; lo spazio è occupato dall'altare celebrato; l'area è illuminata da una finestra per lato a settentrione e a meridione; sull'area aggetta il vano rettangolare dell'antico altare, che culmina nel cupolino e lanterna. Due porte, una per lato del presbiterio, immettono ai corpi sacrestia. Le navate laterali, voltate a botte, in prossimità del presbiterio, terminano nei due altari laterali. In controfacciata due nicchie laterali inquadrano la bussola lignea dell'ingresso; il fonte battesimale è inserito in quella a settentrione. Al di sopra, la cantoria lignea con organo. La pavimentazione in lastre di marmo disposte a losanga, policrome, è interrotta al centro dall'inserimento delle lastre vitree che consentono di vedere le strutture dell'originario edificio altomedievale, emerse nei restauri. Lastre tombali nella corsia centrale.

Pianta

Edificio orientato a impianto basilicale, su sedime rialzato di cinque gradini dal piano stradale.

Impianto strutturale

Muratura portante mista, in ciottoli e pietre squadrate. Inserimento di elementi in cemento armato.

Prospetto principale

Il prospetto principale presenta la partizione centrale più alta, con paramento in pietra a vista, portale ad arco ogivale, finestra rettangolare e timpano con al centro l'oculo. Le due partizione laterali, più basse e a unico spiovente, hanno portale in pietra modanata e soprastante finestra rettangolare.

Coperture

Copertura a falde; manto di copertura in coppi di laterizio.

Pavimenti e pavimentazioni

Pavimentazione con lastre di marmo disposte a losanga, policrome, interrotte al centro della navata da una pavimentazione in vetro che mostra le strutture originarie emerse durante i restauri della chiesa. Lastre tombali nella corsia centrale.

VII - VIII (preesistenze intero bene)

Recenti scavi hanno messo in luce una precedente chiesa attributi all'epoca altomedievale.

XII - XII (ricostruzione intero bene)

La chiesa, distrutta tra il X e XI secolo viene ricostruita in periodo romanico.

1425 - 1425 (ampliamento intero bene)

L'edificio viene radicalmente trasformato: ampliato tanto da inglobare la precedente chiesa, le navate diventano tre e affiancato da un campaniletto con due campane.

1772 - 1792 (riedificazione intero bene)

Danneggiata dal tempo si rende necessario un intervento strutturale tale da decidere per una completa ricostruzione dalle fondamenta al tetto.

1832 - 1852 (costruzione sacrestia)

Il pievano Pisolini fa costruire due sacrestie ai lati del coro. Nel 1852 le stesse vengono prolungate verso le navate laterali.

1903 - 1903 (ampliamento intero bene)

Nel 1903 viene elevata l'abside sormontata dal cupolino ottagonale metallica, viene ampliato il presbiterio, vengono infine realizzate la cantoria e la sacrestia.

1921 - 1923 (adeguamento cripta)

Dopo la Prima Guerra Mondiale, la cripta divenne una cappella monumentale dedicata a Sant'Antonio di Padova a "Ricordo dei caduti di Tarcento della Grande Guerra".

1976 post - 1976 post (restauro intero bene)

Dopo il terremoto la chiesa viene ristrutturata. In tale occasione vengono anche eseguiti scavi archeologici, che hanno messo in luce le primitive tracce della chiesa e delle sue successive costruzioni.

2005 - 2008 (rifacimento pavimento)

In occasione del rifacimento del pavimento viene rifatto anche il presbiterio adeguandolo alla nuova liturgia.

Mappa

Cimiteri a UDINE

Strada San Linert 50 San Leonardo (Ud)

Via Colugna (Ud)

Via San Giacomo Povoletto (Ud)

Onoranze funebri a UDINE

Via Artico Di Castello 4/2 Tarcento

Piazza Roma 6 33017 Tarcento