Chiese in Provincia di Udine - città di : Chiesa di Santa Maria Assunta

Chiesa di Santa Maria Assunta
S. MARIA ASSUNTA

UDINE
Basagliapenta, Basiliano (UD)
Culto: Cattolico
Diocesi: Udine
Tipologia: chiesa
La chiesa, orientata, è su sedime rialzato e si accede tramite nove gradini. Pianta ad aula rettangolare e due cappelle laterali, profondo presbiterio rettangolare leggermente ribassato; sacrestia annessa al lato meridionale; torre campanaria tangente il lato settentrionale tra l'aula e il presbiterio. Il prospetto principale è neoclassico, suddiviso in tre scomparti da quattro lesene abbinate in stile dorico su plinti; il timpano con cornice a linea spezzata. Sopra il portale in pietra con... Leggi tutto
Fonte: BeWeB - Beni Ecclesiastici in Web

Dettagli

La chiesa, orientata, è su sedime rialzato e si accede tramite nove gradini. Pianta ad aula rettangolare e due cappelle laterali, profondo presbiterio rettangolare leggermente ribassato; sacrestia annessa al lato meridionale; torre campanaria tangente il lato settentrionale tra l'aula e il presbiterio. Il prospetto principale è neoclassico, suddiviso in tre scomparti da quattro lesene abbinate in stile dorico su plinti; il timpano con cornice a linea spezzata. Sopra il portale in pietra con volute e motivo a conchiglia centrale c'è una nicchia con la statua dell'Immacolata (scultore friulano Benito Asquini). Sul tetto sono due statue in pietra (San Simone e Sant'Andrea o Giacomo minore) un po' arretrate. L'interno ad aula è ritmato da lesene in stile ionico, sormontate da cornice modanata a correre. Cinque finestre nell'aula (una oppilata) e tre nel presbiterio. L'ingresso secondario si apre a nord. La copertura dell'aula è a volta con vele, quella del presbiterio è mista, a volte a vela e a botte. Due gli altari laterali dentro le nicchie profonde collegate all'aula da arco a tutto sesto. La pavimentazione è in terrazzo alla veneziana sui toni del bianco e del rosso, con fasce più scure e decoro centrale. Due gradini conducono alla quota del presbiterio. Asportate le balaustre. Volte decorate. Fonte battesimale nella collocazione originaria entro nicchia a sinistra dell'ingresso. Il pulpito con baldacchino sul lato destro. Due affreschi in cornice a parete.

Pianta

La pianta ad aula rettangolare è accostata da elementi aggiunti le due cappelle laterali ed il campanile.

Impianto strutturale

La struttura è composta da muratura portante e pilastri, il tutto realizzato in muratura mista (ciottoli e laterizio).

Prospetto principale

Il prospetto principale è scandito da quattro paraste le quali sorreggono un'alta trabeazione, al di sopra della quale si trova il frontone a timpano. La facciata presenta, al di sopra del portale centrale (decorato superiormente con stilemi barocchi), una nicchia all'interno della quale si trova la statua dell'Immacolata, opera dello scultore Benito Asquini. A coronamento del prospetto sono state collocate due statue in pietra rappresentanti San Simone e Sant'Andrea (o Giacomo minore).

Coperture

La copertura a due falde è composta da struttura portante in legno e manto di copertura in coppi.

Pavimenti e pavimentazioni

La pavimentazione è in terrazzo alla veneziana sui toni del bianco e del rosso, con fasce più scure e decoro centrale.

VIII - VIII (preesistenze intero bene)

Si hanno notizie della presenza di un edificio dedicato al culto già prima del VIII secolo.

X - X (distruzione intero bene)

Venne gravemente danneggiata nel X secolo a causa delle incursioni degli ungari.

XVII - XVIII (ampliamento intero bene)

L'attuale edificio è nelle forme attuali, dopo un rifacimento Settecentesco effettuato su preesistenze della metà del Seicento. L'ampliamento definitivo fu fatto tra il 1728 ed il 1753.

1728 - 1753 (ampliamento intero bene)

Nel lasso di tempo compreso fra il 1728 ed il 1753 venne eseguito l'ampliamento più consistente della chiesa. Dalle memorie del parroco, Don Carlo Ambrogio Zanuttini si legge: "dalla vecchia [chiesa], computate le fondamenta, non saranno rimaste pià di venti passa."

1780 - 1780 (consacrazione intero bene)

La chiesa venne consacrata nel 1780, con l'intervento dell'Arcivescovo di Udine, Giovanni Girolamo Gradenigo.

Mappa

Cimiteri a UDINE

Via Lovato Lignano Sabbiadoro (Ud)

Via Dei Caduti Tricesimo (Ud)

Via Abbazia Moggio Udinese (Ud)

Onoranze funebri a UDINE

Via Divisione Julia 6 Codroipo

Via Zorutti 70 33100 Corno Di Rosazzo

Via Morgagni 45 33028 Tolmezzo