• Home
  •  > Notizie
  •  > Donna brucia il compagno: parenti di lei vivono a Udine

Donna brucia il compagno: parenti di lei vivono a Udine

Valerio Amadio, di 44 anni, è stato bruciato vivo a Rieti il 26 novembre scorso dopo essere stato cosparso di benzina

CAORLE. Verrà eseguita martedì 3 l’autopsia su Valerio Amadio, l’uomo di 44 anni bruciato vivo a Rieti il 26 novembre scorso dopo essere stato cosparso di benzina. Per questo orribile delitto è accusata una donna di Caorle, la 42enne Braulina Cozzula (detta Lina), adottata da bambina in Brasile da una famiglia veneta, dopo che aveva perso la casa e i genitori a seguito di un altro incendio, quello che ha segnato per sempre la sua vita. Anche la donna è rimasta in qualche modo coinvolta, visto che è ricoverata in ospedale con ustioni.


La follia omicida è scattata esattamente 16 anni dopo la tragica morte del padre adottivo di Lina, Giuliano Cozzula. Fu un fatto terribile, che la comunità di Caorle non ha mai dimenticato perché Cozzula senior era una figura molto rispettata in città, dove aveva ricoperto l’incarico di comandante della stazione dei carabinieri e presidente dell’associazione dei carabinieri in congedo.

Sono intanto stati rinviati gli accertamenti tecnici irripetibili in via Dionigi a Rieti, dove Lina e il compagno, Valerio Amadio, si erano trasferiti lì da appena un mese. Prima abitavano in provincia, a Poggio Bustone. Le condizioni di Lina Cozzula non sono migliorate, anzi. Resta ricoverata nel reparto grandi ustionati dell’ospedale Sant’Eugenio, a Roma, dove è piantonata dalla Polizia.


La vicenda è seguita dalla Squadra mobile di Rieti che non può ancora sentire l’unica indiziata dell’omicidio. La donna presenta ustioni sul 40% del corpo, non parla e potrebbe aggravarsi. Alcuni dei familiari di Lina ritengono possibile che l’omicidio sia avvenuto in un tentativo di difendersi da Amadio.

Per questo la Squadra mobile della città laziale vuole compiere più accertamenti possibili e in questi giorni si impegnerà ad ascoltare tutti i familiari di Lina, alcuni dei quali sono residenti a Udine e in Friuli. —



 

Pubblicato su Il Messaggero Veneto