Scontro, muore a 38 anni

Frontale con un furgone sulla via del lavoro. Quattro feriti nella carambola fra auto

ZOPPOLA. Un consulente maniaghese di 38 anni, Gliano Canderan, è morto ieri all’alba in uno scontro frontale sulla Cimpello Sequals. Lui e sua moglie avevano preso strade diverse quella mattina per recarsi al lavoro a Portogruaro. Canderan procedeva sulla strada regionale 177 al volante di un Citroen Crosser quando è avvenuto l’impatto con un furgone Volkswagen Transporter che viaggiava nella direzione opposta, intorno alle 7 di ieri. Il sole non era ancora sorto, quando i due veicoli si sono scontrati.

L’urto è stato così violento da scagliare il furgone contro il guardrail. A bordo del furgone c’erano quattro giovani indiani che stavano andando a Travesio a fare volantinaggio. Alla guida G.S.C., 25 anni, residente ad Azzano Decimo. Dal primo scontro, quindi, si è generata una carambola che ha coinvolto altri due veicoli che sopraggiungevano sulla Cimpello-Sequals.

Sono ancora al vaglio della Polstrada di Pordenone e Spilimbergo le cause dell’incidente, la cui dinamica è piuttosto complessa. Dopo il primo impatto con il furgone, la Citroen si è scontrata, nella carambola, con una Fiat 16 (al volante G.M.,76 anni, di Cordenons) e quindi a sua volta l’utilitaria italiana è andata a sbattere contro una Mazda (alla guida M.D., 47 anni, residente a Valvasone Arzene).

L’imprenditore maniaghese è rimasto incastrato fra le lamiere dell’abitacolo ed è deceduto sul colpo. Sono rimasti feriti anche conducente e passeggeri del furgone. Il primo è stato trasportato in codice giallo al pronto soccorso di Pordenone con un politrauma, ma non versa in pericolo di vita, gli altri tre invece sono stati accompagnati in ambulanza in codice verde al Santa Maria degli Angeli.

Gli altri due automobilisti coinvolti nei due scontri successivi, invece, erano illesi e hanno rifiutato il ricovero ospedaliero.

I vigili del fuoco di Pordenone, subito accorsi in aiuto degli infermieri del 118, hanno estratto i feriti dagli abitacoli, utilizzando le pinze oleodinamiche per liberarli dal groviglio di lamiere. Per ore la Cimpello-Sequals è stata interdetta al traffico. Lunghe code e rallentamenti hanno interessato anche la viabilità circostante.

Sul posto gli agenti della Polizia stradale hanno svolto scrupolosi rilievi per accertare compiutamente la dinamica dell’incidente e hanno individuato i testimoni oculari dello scontro, che saranno sentiti in modo più approfondito in queste ore proprio per fare luce sulla dinamica. La Polstrada ha posto sotto sequestro i veicoli coinvolti nell’incidente in attesa delle disposizioni del pm Pier Umberto Vallerin. In questi casi viene aperta un’inchiesta per omicidio stradale.

La salma è a ora disposizione dell’autorità giudiziaria. Nelle prossime ore il pubblico ministero di turno dovrà decidere quali ulteriori accertamenti disporre, dall’autopsia a un eventuale consulenza tecnica sulla dinamica dell’incidente, vista la numerosità dei veicoli coinvolti

In caso di accertamenti irripetibili da parte della Procura verranno dati gli avvisi di rito agli automobilisti coinvolti nell’incidente anche in modo marginale per consentire loro di avvalersi di un proprio consulente.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Messaggero Veneto