• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio a Simonit una vita dedicata all’agricoltura e all’allevamento

Addio a Simonit una vita dedicata all’agricoltura e all’allevamento

Figura di rilievo con la sua azienda a Medea era l’ultimo imprenditore con mucche da latte 

il lutto

MEDEA

La civiltà contadina e le tradizioni agricole di Medea si sono sviluppate grazie al lavoro di uomini e donne che hanno dedicato tutta la vita al lavoro dei campi con passione, generosità e grande sacrificio. Una di queste figure esemplari è stato Ennio Simonit, morto all’età di 76 anni, appartenente a una storica famiglia di agricoltori e allevatori locali. La sua azienda “Ennio e figli” è nota per la coltivazione di seminativi e soprattutto per essere l’unica rimasta in paese a dedicarsi all’allevamento delle mucche: una cinquantina di capi ad alto rendimento che forniscono latte di qualità.

Ennio Simonit era nato a Cormons il 17 agosto 1944 e tutta la sua esistenza è stata dedicata all’agricoltura. È stato per molti anni presidente della Cooperativa agricola e del centro raccolta latte e membro del Consiglio direttivo della Cooperativa Isontina Maiscoltori. Ruoli in cui ha profuso un grande impegno per far crescere e sviluppare l’agricoltura locale e favorire il lavoro di tutti gli agricoltori. Una grave perdita per la comunità di Medea, perché era una persona amica di tutti, molto generosa e con una simpatia innata e contagiosa. Con lui il paese perde una vera e propria memoria storica. Ennio aveva un patrimonio di conoscenze che trasmetteva alla comunità, specialmente ai giovani. Sapeva la storia delle famiglie del paese e la data di nascita di tutti. Se incontrava una persona per le vie del paese proprio nel giorno del suo compleanno si fermava e le faceva gli auguri. Ha sempre partecipato attivamente alla vita del paese. Era diventata ormai una tradizione nelle giornate della festa del Ringraziamento l’appuntamento con l’iniziativa “Lidris di pais-Memorie della nostra comunità”, dove Ennio raccontava gli aneddoti della vita dei campi e della storia del paese che ha sempre amato profondamente. Vedovo da alcuni anni, lascia i figli Andrea e Denis, i nipoti Patrick e Matteo. I funerali si svolgeranno questa mattina alle 10.30, a Medea nel cimitero comunale. —

Pubblicato su Il Messaggero Veneto