• Home
  •  > Notizie
  •  > Stroncato da un malore Nicola Ferraioli il “pizzaiolo dei record”

Stroncato da un malore Nicola Ferraioli il “pizzaiolo dei record”

Il titolare del locale che porta il suo nome aveva 63 anni Cordoglio in tutto il Maniaghese. Domani l’ultimo saluto

fanna

Il Maniaghese piange Nicola Ferraioli, il “pizzaiolo dei record” molto conosciuto nella Pedemontana e non soltanto, che gestiva la pizzeria di Fanna che porta il suo nome. È morto improvvisamente a 63 anni, lasciando la comunità attonita.

Nicola Ferraioli aveva lavorato diversi anni nella città del coltello, quindi nella pizzeria Da Nicola a Fanna. In quest’ultimo comune aveva organizzato diversi eventi a scopo benefico chiamati “Pizzinsieme”, nei quali sono state proposte pizze da record in termini di lunghezza: è stata sfiorata la quarantina di metri. Iniziative che avevano come scopo anche l’aggregazione della comunità locale: hanno partecipato tante persone, nonché esponenti del mondo istituzionale. In uno degli ultimi eventi, per realizzare una pizza lunga quasi 37 metri sono stati impiegati ottanta chili di farina, quaranta di mozzarella e trenta di pomodoro. Per l’occasione, Nicola e la figlia Sara avevano impastato e farcito per ore. L’idea di “Pizzinsieme” era venuta a padre e figlia nel 2010. Nel 2011, quella che era un’idea nata quasi per caso, ha assunto un significato ancora più importante: Sara, vittima di un incidente, è stata costretta a ricorrere alle cure del centro di terapia intensiva di Pordenone e, una volta superato il momento di difficoltà, le è parsa naturale la decisione di destinare il ricavato delle future edizioni di “Pizzinsieme” a casa di riposo e centro pordenonese. Anche l’asilo di Fanna ha beneficiato della generosità di quanti avevano accolto l’appello di Nicola e Sara.

Il sessantatreenne lascia la moglie Maria, le figlie Sara e Chiara e il fratello Luigi. I funerali saranno celebrati alle 15 di domani nella chiesa di Fanna, dove alle 20 di oggi sarà recitato il rosario. La salma sarà cremata. —

Pubblicato su Il Messaggero Veneto