• Home
  •  > Notizie
  •  > Con la patente revocata travolge e uccide un motociclista: è accusato di omicidio volontario

Con la patente revocata travolge e uccide un motociclista: è accusato di omicidio volontario

Si tratta di un nomade sinti, Simone Braidich, residente a Desenzano del Garda ma di fatto domiciliato ad Udine. L'indagato ha altri precedenti penali ed in quel momento stava guidando sebbene la sua patente fosse già stata revocata

UDINE. È stato arrestato ed è in carcere con l'accusa di omicidio volontario l'automobilista che il 26 luglio scorso, a Lonato del Garda nel Bresciano, aveva travolto e ucciso un motociclista di 47 anni ed aveva poi fatto perdere le proprie tracce costituendosi a Udine solo il giorno successivo.

Si tratta di un nomade sinti, Simone Braidich, nato a Trieste, residente a Desenzano del Garda ma di fatto domiciliato ad Udine.

Secondo il pm di Brescia Carlo Milanesi, dalle indagini è emerso una dinamica diversa rispetto a quella raccontata dall'investitore: alla base dell'incidente ci sarebbe una condotta cosciente e volontaria dato l'automobilista avrebbe volontariamente cagionato la morte del motociclista probabilmente dopo una lite stradale.

L'indagato ha altri precedenti penali ed in quel momento stava guidando sebbene la sua patente fosse già stata revocata.

Pubblicato su Il Messaggero Veneto