• Home
  •  > Notizie
  •  > Morto bimbo di 3 anni Lutto anche a Brugnera dove abitano i nonni

Morto bimbo di 3 anni Lutto anche a Brugnera dove abitano i nonni

brugnera

Si è spento nella serata di ieri monsignor Saverio Bravin, 89 anni, per 28 parroco di Tamai di Brugnera, nonché co-fondatore della locale associazione Amici della musica. Una persona molto conosciuta e apprezata in paese e non soltanto.

Quattro anni fa la celebrazione del suo sessantesimo di sacerdozio, un servizio di grande fede e abnegazione per la diocesi di Concordia Pordenone, nel corso del quale aveva dovuto affrontare scelte e accettazioni di situazioni non sempre facili, sempre con ottimismo e il sorriso sulle labbra.

Ordinato sacerdote il 1º luglio 1956 a Spilimbergo, dallo stesso anno fu cappellano a Cinto Caomaggiore. Seguirono sei anni di apostolato con il parroco don Tarcisio Romanin, con il quale collaborò alla costruzione della scuola materna. La prima nomina di parroco arrivò nel 1962 a Barcis, dove rimase per 8 anni vicino anche alla gente che visse la tragedia della diga del Vajont nel ’63. Dal 1970 al 1985 guidò la comunità di San Martino al Tagliamento, 15 anni con tante occasioni felici e molte decisamente meno, come la morte del papà nel ’75 e della mamma l’anno successivo.

Dal 1º dicembre 1985 al 23 ottobre 2013 fu parroco di Tamai, con la benedizione di don Pradella. Tante le vicende , gli impegni e le opere in questa comunità, dove non perse mai di vista la funzione di prete e pastore del suo gregge, la disponibilità per una parola di conforto. Un lungo periodo in cui non rispose mai a nessuno “non ho tempo” nonostante i tanti impegni di una parrocchia in forte sviluppo, la presenza di una scuola materna in continua crescita e un associazionismo fiorente e attivo. Dopo il termine del servizio continuò la sua opera pastorale a Tamai come assistente spirituale in diverse realtà associative, come I Cappati del Santissimo sacramento e il gruppo Controcorrente, ma anche con il servizio liturgico in parrocchia e in diverse realtà diocesane, in cui si sentiva l’esigenza di una guida. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Messaggero Veneto