• Home
  •  > Notizie
  •  > Operaio morto a Medea Responsabile della ditta indagato dalla Procura

Operaio morto a Medea Responsabile della ditta indagato dalla Procura

MEDEA

Il legale rappresentante della ditta Nova Sg-Costruzioni e ristrutturazioni di Gorizia è indagato per omicidio colposo, in relazione all’infortunio sul lavoro nel quale ha perso la vita il 31enne di origine bosniaca Adnan Hodzi.

L’operaio è precipitato da un’altezza di una decina di metri cadendo all’interno di un magazzino della Bernasconi Srl-Impianti di verniciatura, situata nella zona industriale di Medea.

L’incidente era scaturito lo scorso venerdì, nel primo pomeriggio, intorno alle 13.30. Il giovane uomo stava eseguendo lavori di manutenzione sul tetto del capannone aziendale. Si trovava solo sulla copertura, quando il rivestimento di onduline è ceduto improvvisamente, non reggendo il peso dell’operaio.

La Procura di Gorizia ha aperto pertanto un fascicolo sull’infortunio mortale e sul registro degli indagati per l’ipotesi di omicidio colposo c’è ora il nome del rappresentante legale della ditta esterna per la quale Hodzi lavorava.

Sono quindi in corso le indagini ai fini della ricostruzione dell’evento, dopo il sequestro dell’area disposto dall’Autorità giudiziaria. Venerdì il 31enne, residente a Gorizia, era arrivato all’azienda di Medea assieme ad un collega. Era poi salito sul tetto del capannone nel cimentarsi nei lavori di manutenzione. Fino a quel cedimento che ne ha decretato il decesso.

Ad assistere alla tremenda scena sono stati alcuni operai che in quel momento si trovavano all’interno della fabbrica. Sono subito stati allertati i soccorsi, assieme all’ambulanza è giunto anche l’elicottero del 118, tuttavia per l’uomo non c’è stato nulla da fare, se non constatare il decesso avvenuto sul colpo.

Ad eseguire gli accertamenti sono stati i carabinieri di Mariano del Friuli, sul posto anche i vigili del fuoco di Gorizia ed il personale del dipartimento di Medicina legale dell’Asugi. Il titolare dell’azienda committente dei lavori, Ugo Bernasconi, messo al corrente dell’infortunio mortale, era partito dalla sede principale di Como raggiungendo in serata la sede operativa di Medea. Sul posto era giunto anche il sindaco Igor Godeas.—

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicato su Il Messaggero Veneto