• Home
  •  > Notizie
  •  > Due nuovi “Montalbano” con Zingaretti alla regia

Due nuovi “Montalbano” con Zingaretti alla regia

ROMA. «Questo è il primo anno che ci troviamo qui senza il nostro padre letterario Andrea Camilleri e senza Alberto Sironi. Di mio, in questa regia, c'è una malinconia dolce. Ma li dobbiamo festeggiare tutti con canti balli, gioia e risate, come avrebbero voluto loro». Luca Zingaretti torna a vestire i panni di Montalbano, il commissario più amato della tv, ma questa volta ne firma anche la regia dopo che Sironi, storico regista, è venuto a mancare nel corso delle riprese a meno di due settimane dalla scomparsa di Camilleri.

Il 9 e il 16 marzo Rai1 manderà in onda, in prima serata, due nuovi episodi girati la scorsa estate. Il primo è «Salvo amato, Livia mia», e «La rete di protezione». Una produzione Palomar con la partecpazione di Rai Fiction. Prodotto da Carlo degli Esposti e Nora Barbieri con Max Gusberti.

«Di mio, in questa regia, c'è una malinconia dolce. La drammaticità e la leggerezza tipica dei migliori racconti di Camilleri si intrecciano, secondo un codice conosciuto ma ogni volta diverso. E lo sforzo maggiore dietro la macchina da presa è stato quello di rispettare lo stile di Sironi che ha dettato le regole 20 anni fa, di assecondare l'estetica del mondo di Camilleri e della sua capacità di raccontarci il mondo».

Rispondendo a una domanda sul futuro televisivo di Montalbano, Zingaretti fa un ragionamento che non scioglie il dubbio: «Devo far sedimentare tutto ed elaborare il lutto. Oppure decidere se prendere il testimone e concludere in bellezza con l'ultimo romanzo che è nella cassaforte di Sellerio».

Montalbano arriva per la prima volta al cinema per un evento straordinario: l'episodio “Salvo amato, Livia mia”, infatti, sarà proiettato in anteprima e soltanto tre giorni, il 24, 25 e 26 febbraio. —

Pubblicato su Il Messaggero Veneto